Notizie

SAN SALVAR - INAUGURAZIONE RESTAURO

07.07.2016 19:46

A ovest di Bussolengo, quasi in aperta campagna, sorge la Chiesa di San Salvar (San Salvatore), ritenuta la più antica del paese. Alcuni studi ne datano l’origine al periodo longobardo, quindi tra il VII, VIII secolo e il periodo romanico, anche se non esistono prove certe. Le tecniche di costruzione e le caratteristiche architettoniche la fanno risalire all’alto Medioevo e il suo aspetto semplice e disadorno la denotano come un’antichissima “Casa della fede” di cui i nostri avi erano sicuramente orgogliosi. Per quei tempi bui, la chiesa, seppur modesta rappresentava  un baluardo contro il male, la paura, la violenza, l’ingiustizia.

La chiesa consiste in un’aula coperta a capriate lignee costruita con corsi regolari di pietre di fiume e l’orientamento, in origine era verso est, cioè verso il luogo della passione di Cristo. Alcuni elementi architettonici risalgono addirittura all’epoca romana e venivano riutilizzati regolarmente nelle prime chiese rurali sorte dopo le invasioni barbariche. Nel ‘500 la chiesa fu innalzata di qualche metro e decorata al suo interno con affreschi di cui alcuni frammenti compaiono ora, dopo il restauro. Nell’ Ottocento ne fu invertito l’orientamento e ricostruita la facciata, ora rivolta verso il paese.

Per lunghi anni poi, fu lasciata in completo abbandono e spogliata della sua spiritualità e della sua storia: caddero il soffitto e parte dei suoi muri persero consistenza, venne invasa dalla vegetazione e ridotta a poco più di un rudere. Ora, su iniziativa di amanti di storia locale, assieme alla parrocchia di Bussolengo e ad amministrazioni sensibili, la Chiesa di San Salvar è finalmente tornata a rivivere e a raccontarci pagine di storia e di devozione ormai quasi dimenticate.

Sabato 2 luglio si è svolta l’inaugurazione degli affreschi ritrovati in occasione del restauro statico. Il sindaco Paola Boscaini ha tagliato il nastro alla presenza di numerose persone convenute per ammirare l’affresco esistente in ciò che rimane della vecchia abside abbattuta nel 1836.  Sono seguite varie relazioni. Il prof. Bepino Zocca ha parlato della chiesa nel contesto bussolenghese. L’ingegner Federico Bonesso e l’architetto Nicola Cacciatori hanno evidenziato sia la situazione del restauro statico che il recupero dei dipinti effettuato dallo Studio Tisato. La dottoressa Tiziana Franco ha confrontato lo stile dei dipinti presenti nell’abside bussolenghese con altre realtà simili del territorio veronese. Enrico Racasi ha rimarcato l’intervento dei volontari nella sistemazione esterna. Don Giorgio Costa parroco, ha poi chiuso la serata con un intervento sulla spiritualità dell’antica pieve e sulle prospettive di uso futuro.

BUSSOLENGO DA VEDERE

>>

FESTA DELLO SPORT

02.07.2016 18:30

Si è conclusa con un buon successo di pubblico e di partecipanti la nuova edizione della “Festa dello Sport” organizzata dal Comune di Bussolengo per i giorni 3 – 4 - 5 giugno 2016.

Si è iniziato il venerdì con il  raduno  di  tutti  gli  atleti  ed  i  partecipanti  alle  18:30 presso Piazza  XXVI Aprile e sono state coinvolte buona parte delle realtà  sportive del territorio e tante associazioni di volontariato. La  novità  assoluta  è  che la  festa  si  è svolta  in più  parti del paese: dal centro storico alla parco Nieder-Olm, dagli  impianti sportivi alla  zona  di Piazza  dello  Zodiaco  fino  alla  località Porcella.

Come spiega l’assessore alle manifestazioni Katia Facci, la festa è stata una grande promozione  della pratica  sportiva quale  componente  di crescita molto importante soprattutto per le fasce  più  giovani  della popolazione. Lo  sport  è  motivo  di  aggregazione, di  impegno , di  responsabilità e di gratificazione.

La Festa dello Sport è stata pertanto non solo una occasione per mettere in evidenza tutti questi valori, ma anche una tre giorni all’insegna del sano divertimento. Il nostro paese si è visto animare al punto da renderlo una vera e propria cittadella sportiva.

Un nutrito gruppo  di  band  locali , assieme  alle scuole  di  danza  hanno animato  le  tre  serate, nella zona  degli  impianti sportivi e durante  il giorno gruppi di giovani musicisti si sono esibiti nella zona del  centro storico.

Nelle giornate di sabato e domenica, al mattino ed al pomeriggio ci sono state varie esibizioni dei numerosi gruppi sportivi che inoltre hanno dato la possibilità di provare le varie attività agli spettatori presenti in modo di coinvolgerli nella passione sportiva.

Queste le attività presenti: 

 1. Auto sportive d'epoca
 2. Scacchi
 3. Scherma
 4. Barche a vela
 5. Basket
 6. Pallavolo
 7. Ginnastica artistica
 8. Beach Volley e Beach Tennis
 9. Mini golf
 10. Pesca sportiva
 11. Badminton
 12. Karate
 13. Nordic Walking
 14. Football americano
 15. Zumba
 16. Tennis tavolo
 17. Volley rosa
 18. Bocce
 20. Tamburello
 21. Atletica leggera
 22. Calcio
 23. Tennis
 24. Rugby
 25. Golf
 26. Equitazione

E’ stato bello vedere l’entusiasmo che ha caratterizzato l’organizzazione della Festa dello Sport, e va lodato l’impegno di tantissime persone grazie alle quale è stata possibile realizzare questa iniziativa.

>>

CONCLUSIONE CONCORSO FOTOGRAFICO "VIAGGIANDO"

24.06.2016 16:06

 

Si è concluso a San Vito al Mantico l’ottavo “Concorso fotografico Viaggiando”, che quest’anno riguardava: “L’Adige nel territorio veronese”.

Il concorso, organizzato dall’Associazione di Promozione Sociale Verona Report, con il patrocinio del Comune di Bussolengo, si è avvalso del supporto tecnico e logistico dello studio fotografico “Focus foto&video“ e del portale www.bussolengonline come vetrina per il web. Inoltre, da quest’anno, è stato creato un gruppo dedicato su Facebook dove è possibile scambiare idee e opinioni.

Il tema di quest’anno, “L’Adige nel territorio veronese” segue un filone che ci porta alla scoperta del territorio vicino a noi per valorizzarne gli aspetti talvolta meno conosciuti o che sfuggono ad un contatto più superficiale. L’Adige attraversa tutta la provincia da nord a sud creando scorci e scenari suggestivi fra i più vari e questo hanno evidenziato le 78 opere esposte realizzate dai 27 concorrenti. E’ stato impegnativo per la giuria ricavarne una classifica, tenendo conto, inoltre, del voto popolare espresso online sul sito di riferimento.

Sono stati premiati i primi tre classificati con dei fotolibri di varie tipologie che potranno essere realizzati con le proprie foto con effetti e sfondi che ne esaltino la bellezza, il tutto offerto da Focus foto&video, partner dell’organizzazione.

Questa la Classifica:

Al 1° posto: “RIFLESSIONI” di Gianpietro Perinelli.

Sotto un cielo intenso e minaccioso gli alberi si specchiano nell’acqua del fiume in un’atmosfera quasi surreale e il bianco-nero ne accentua il senso di imperturbabile staticità. Da apprezzare l’uso del tempo di esposizione e l’equilibrio della composizione.

 

 

 

Al 2° posto: “MAESTOSO E SILENTE” di Luca Recchia.

Nell’ansa del fiume che scorre lento nell’atmosfera autunnale in un angolo pittoresco della Valdadige, l’autore ha saputo cogliere quel senso di tranquillità che il paesaggio trasmette. Il controluce ne esalta i colori e la composizione è ottimamente bilanciata.

 

 

 

Al 3° posto: “COLORI D’AUTUNNO” di Giovanni Maimeri.

L’immagine denota una sapiente maestria nella composizione, nel controllo della luce e della esposizione. Il perfetto specchiarsi degli alberi nell’Adige, il cielo, la terra e l’acqua, tutto forma un equilibrio piacevole e armonico che trasmette serenità.

 

 

 

Tante altre sono state de foto in graduatoria assolutamente meritevoli e va un plauso a tutti i concorrenti per la creatività dimostrata nel descrivere in tutte le sfacettature il nostro fiume.

Ricordiamo che una selezione delle opere andrà esposta a Bussolengo nell’ambito della Festa d’Estate di fine Agosto in uno spazio espositivo dato a disposizione dall’amministrazione.

Un doveroso ringraziamento va al Comitato Festa di San Vito al Mantico, alla parrocchia, a Don Domenico che ci ha dato la disponibilità dello spazio, all’Amministrazione di Bussolengo e soprattutto ai partecipanti che, indipendentemente dalla classifica, hanno contribuito con le loro opere alla realizzazione dell’iniziativa.

Grazie e… arrivederci al prossimo anno.

Visita la galleria delle foto

Accedi al gruppo su Facebook

Vai sul portale dell'associazione

>>

CLASSIFICA CONCORSO FOTOGRAFICO

13.06.2016 19:16

Dopo un’accurata valutazione delle opere in concorso, la giuria qualificata ha espresso una classifica tenendo conto anche del voto online che, come da regolamento, ha avuto un peso del 30% rispetto al voto della giuria. Ne è scaturita la seguente classifica:

sul podio,

1°-RIFLESSIONI  di Gianpietro Perinelli                  p. 30,4

 

 

 

 

 

 

 

2°- MAESTOSO E SILENTE   di Luca Recchia          p. 15,4

 

 

 

 

 

 

 

3°- COLORI D’AUTUNNO  di Giovanni Maimeri         p. 12,4

 

 

 

 

 

 

 

Seguono…

4°- IL MIO ANGOLO NASCOSTO                            p. 10,4

5°- SOPRAVVIVENZA                                           p. 9,6

6°- SUGGESTIONE                                               p. 8,4

7°- TRANQUILLITA’                                              p. 8,2

8°- DOPO IL TEMPORALE

      SPECCHIO D’AUTUNNO

      NOTTURNO

      LA DANZA DI DAFNE

      L’INVERNO A PESCANTINA                              p. 8

13°- GRETO DEL FIUME

        OLTRE LA RAMURA

        PONTE CASTELVECCHIO DI NOTTE

        IMPOTENZA DELL’UOMO                               p. 7,2

17°- PONTE PIETRA NOTTURNO                            p. 7

18°- ROMANTICI BATTIBECCHI NOTTURNI               p. 6,8

19°- L’AVANGUARDIA CREATIVA                             p. 6

20°- IL FIUME IN SECCA

        INQUINAMENTO                                            p. 4

Le premiazioni si terranno domenica 19 alle 21 e verranno premiati i primi tre.

>>

ESPOSIZIONE FOTO CONCORSO "VIAGGIANDO" 2016

11.06.2016 10:39

 

E’ già allestita al Circolo NOI di San Vito al Mantico l’esposizione delle foto in concorso e questa volta il tema è: “L’Adige nel territorio veronese”. 78 sono le opere pervenute con 27 concorrenti e il fiume è rappresentato in tutte le sue sfaccettature ed in tutti i suoi ambienti. Eccolo specchiarsi, verdeggiante fra le pareti di roccia della Valdadige o incunearsi nella ridente Valpolicella; Arcè, Pescantina, Settimo, Parona, San Vito stesso, sono tutte località caratterizzate significativamente dal passaggio del fiume che, nei secoli è stato veicolo di economia, cultura e relazioni fra popoli diversi. E poi Verona, abbracciata dall’Adige, dove i suoi ponti storici sono fra i soggetti più rappresentati. Infine la Bassa Veronese dove il fiume scorre lento e maestoso, quasi camuffato fra gli argini discreti in una lussureggiante vegetazione. Scorci e panorami, notturne e tramonti, bianco-nero e colore, le foto rappresentano una varietà di situazioni che descrivono il nostro fiume  più di qualsiasi particolareggiata esposizione scritta. Insomma , un paesaggio fluviale da riscoprire, valorizzare e preservare.

Le foto rimarranno esposte fino alla fine della festa rionale e la giuria è già al lavoro per stilare una classifica  che verrà pubblicata sui siti aderenti al più presto possibile. Domenica 19 giugno, alla conclusione della manifestazione, si terrà la premiazione  dei primi tre classificati.

Ricordo che funziona un sistema di valutazione popolare dove, collegandosi al sito www.bussolengonline.it ognuno potrà esprimere la propria preferenza e contribuire così, nella misura del 30% rispetto al voto della giuria, alla formazione della classifica finale.

Vi aspettiamo numerosi a visitare l’esposizione che rimarrà aperta nelle serate dei due weekend della festa rionale di S.Vito al Mantico  dalle 20/30 alle 23/30.

Guarda e vota le foto in concorso

Segui il gruppo su facebook

Visita la galleria delle foto

www.veronareport.it

www.focusfotovideo.it

>>

FESTA DELLO SPORT A BUSSOLENGO

01.06.2016 20:46

Il Comune di Bussolengo organizza per i giorni 3 – 4 - 5 giugno 2016  una nuova edizione dellla "Festa Dello Sport".  Si inizierà Venerdì 03 giugno con il  raduno  di  tutti  gli  atleti  ed  i  partecipanti  alle  18:30 presso Piazza  XXVI Aprile. Verranno coinvolte buona parte delle realtà  sportive delò territorio e tante associazioni di volontariato. La  novità  assoluta  è  che la  festa  si  svolgerà  in più  parti del paese: dal centro storico alla parco Nieder-Olm, dagli  impianti sportivi alla  zona  di Piazza  dello  Zodiaco  fino  alla  località Porcella.

Sarà una  grande festa per  la promozione  della pratica  sportiva quale  componente  di crescita molto importante soprattutto per le fasce  più  giovani  della popolazione. Lo  sport  è  motivo  di  aggregazione, di  impegno , di  responsabilità e di gratificazione. La  festa  dello  sport  sarà pertanto  non  solo  un'occasione  per  mettere  in  evidenza  tutti  questi  valori,  ma  sarà  anche  una tre  giorni  di  divertimento che  vedrà  animare il nostro  paese al punto  da renderlo una  cittadella  sportiva,  all'insegna  del  sano  divertimento. Un nutrito gruppo  di  band  locali , assieme  alle scuole  di  danza  animerà  le  tre  serate, nella zona  degli  impianti sportivi. Durante  il giorno ci  sarà  la  possibilità  di  ascoltare dei  gruppetti di  giovani  musicisti che  si  esibiranno  nella zona  del  centro storico.

Nelle giornate di sabato e domenica, al mattino ed al pomeriggio vi saranno esibizioni e la possibilità di provare le attività sportive dalle associazioni presenti sul territorio e non.
 Potrete trovare:
 1. Auto sportive d'epoca
 2. Scacchi
 3. Scherma
 4. Barche a vela
 5. Basket
 6. Pallavolo
 7. Ginnastica artistica
 8. Beach Volley e Beach Tennis
 9. Mini golf
 10. Pesca sportiva
 11. Badminton
 12. Karate
 13. Nordic Walking
 14. Footbal americano
 15. Zumba
 16. Tennis tavolo
 17. Volley rosa
 18. Bocce
 19. Nordic walking
 20. Tamburello
 21. Atletica leggera
 22. Calcio
 23. Tennis
 24. Rugby
 25. Golf
 26. Equitazione

Uno  degli  aspetti  più  entusiasmanti  che hanno  caratterizzato  l'organizzazione della  festa  dello  sport, è  l'impegno  delle  tantissime  persone che  ruotano  attorno  alla regia del  comitato organizzatore della festa stessa ed è grazie a loro che sarà resa possibile questa iniziativa..

VEDI IL PROGRAMMA SPETTACOLI

>>

I 50 ANNI DI SACERDOZIO DI PADRE FELICE

06.05.2016 23:37

“Coloro che, nel sacerdozio e nella loro vita mettono Dio al primo posto, riguardo alla loro vocazione, al lavoro quotidiano e alla famiglia, compiono una azione molto bella e fruttuosa”.

Con queste parole Padre Felice Arlone si è rivolto alla moltissima gente che ha riempito la chiesa del Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso domenica 24 Aprile per festeggiare i 50 anni della sua ordinazione a sacerdote. Una folla di fedeli commossi si è stretta attorno a quello che è stato, per tanti anni la vera “anima” del santuario.

Entrato nei Redentoristi in giovane età, col desiderio di aiutare il prossimo nelle missioni dell’America Latina, Padre Felice si è trovato invece a fare il missionario fra di noi a Bussolengo.  Arrivato nel lontano 1966 alla “Cesa dei Frati”, ha saputo ben presto conquistarsi la simpatia dei suoi paesani. Pervaso da una serenità interiore e da una profonda umanità, oltre che da un cuore generoso, Padre Felice era capace di dispensare a tutti, consigli di vita e parole di conforto. Per il suo temperamento allegro e gioviale si era fatto volere bene da tutta la comunità di Bussolengo  che vedeva in lui una guida, un esempio, un amico su cui contare.

In tutti questi anni vissuti al Santuario, Padre Felice ha lasciato una traccia indelebile nel cuore dei Bussolenghesi ed è qui tra i suoi compaesani che ha voluto celebrare questa importante ricorrenza. E la gente, commossa, si è stretta attorno a lui ringraziandolo per tutto quello che ha saputo trasmettere nel cuore di ciascuno.

Nel finale della messa, il coro che lui stesso, anni fa, aveva avviato, ha intonato quel canto della “Madonna Nera” che lui tanto ama e che per primo aveva introdotto fra i canti liturgici. E’ stato questo, un momento emozionante di una celebrazione sentita e , intimamente partecipata.

Un grande “Grazie “ da tutti noi a Padre Felice per la sua disponibilità, la sua generosità e la sua semplicità, e un augurio di cuore per tanti altri anni da vivere con serenità.

>>

LA CENTRALE ELETTRICA DI BUSSOLENGO

28.04.2016 18:26

La centrale idroelettrica di Bussolengo venne concepita alla fine degli anni venti del Novecento, quando fu progettato il Canale Biffis che, oltre a risolvere i secolari problemi di irrigazione del Nord della pianura veronese, doveva  prevedere  l’alimentazione delle due centrali, quella appunto di Bussolengo e l’altra, alla fine del suo percorso a Chievo.

A Bussolengo, la posizione scelta, permetteva un salto di quasi 40 metri e perciò una forza di spinta notevole per far girare le tre grosse turbine (di tipo Francis) previste, ognuna delle quali era accoppiata ad un alternatore che trasformava il movimento di rotazione in energia elettrica.

I lavori di costruzione del canale iniziarono nel 1929 ma subirono presto una sospensione dovuta alla crisi economica mondiale. Ripresero solo una decina d’anni più tardi e vennero portati al termine entro il 1943, in piena Guerra Mondiale. L’opera risultava da subito titanica, con la maggior parte degli scavi eseguiti a mano e con metodi di lavoro oggi inimmaginabili. La valle dell’Adige veniva trasformata in un enorme cantiere dove, alle varie imprese partecipanti veniva affidato un tratto del canale. In pochi anni, si vide nascere  e portare a compimento una grandiosa opera di ingegneria, mirabile e ancora oggi apprezzata.

La Centrale di Bussolengo, fu realizzata dalla SIMA (Società Idroelettrica Medio Adige) fra il 1939 e il 1943 ed è posizionata dopo circa 38km dalla presa del canale di Ala, a sfruttare il salto di quota fra il piano collinare e il sottostante bacino dell’Adige. A monte della stessa 3 paratoie regolano il flusso d’acqua del bacino di carico e uno scivolo laterale ne permette il deflusso della parte in eccesso. La sala macchine comprende tre gruppi generatori ad asse verticale capaci di erogare 20.000Kw ciascuno. I condotti per la caduta dell’acqua hanno un diametro di 4m e permettono una portata complessiva di 140mc al secondo. L’acqua scaricata nel canale di uscita, prosegue verso est ad alimentare la successiva e analoga centrale di Chievo, posta alla fine del canale, la quale funziona con un salto ridotto e perciò con potenza inferiore. Dopo di che l’acqua viene scaricata nuovamente in Adige poco prima della Diga di Chievo.

La centrale funziona tuttora a pieno regime, dopo oltre settant’anni dalla sua costruzione e, seppur con le dovute modifiche e gli aggiornamenti tecnologici dovuti alle più restrittive norme di sicurezza, produce l’energia necessaria ad un bacino d’utenza di oltre 800.000 persone. Tutto questo utilizzando una fonte rinnovabile e non inquinante,: un aspetto assolutamente importante da considerare come esempio e da trasmettere alle future generazioni.

>>

LA STORIA DEL CANALE BIFFIS

29.03.2016 23:54

Dalla presa di Ala alle centrali di Bussolengo e Chievo...

Iniziato nel periodo fascista e finito in tempo di guerra,46 km di alta ingegneria per la produzione di energia pulita e per l'irrigazione di vaste zone fino ad allora improduttive: una grande opera tuttora indispensabile.

Prossimamente il nostro servizio!

>>

AUGURI DI PASQUA

25.03.2016 18:36

Lo staff di Verona Report che gestisce il portale Bussolengo-vr ha il piacere di far pervenire a tutti voi i migliori auguri di Buone Feste Pasquali !

>>
<< 2 | 3 | 4 | 5 | 6 >>

Nasce bussolengo-vr

Dopo anni di esperienza con Verona Report ora, nell'ambito della stessa, diventata associazione, ci rivolgiamo al paese dove noi operiamo ed abbiamo la nostra sede.

Nasce così bussolengo-vr . un portale dedicato interamente a Bussolengo in cui andremo ad inserire i nostri lavori (servizi, reportage, storie, eventi) riguardanti appunto il nostro paese. Il tutto in stretta collaborazione con Verona Report la quale invece ha una base di azione più vasta che è quella del territorio di Verona e delle province limitrofe.

Iniziamo ora ad inquadrare il nostro territorio da un punto di vista un po' insolito con un volo radente fra chiese piazze e panorami...

Cerca nel sito

© bussolengo vr 2015 Tutti i diritti riservati.

Powered by Webnode